English Drops

By Teacher Claudia

BULLYING 


I tend to believe there is a biological and a psychological reason behind our every action.

As a teacher, I often see kids misbehave, get distracted or perform badly in tests, and instead of getting angry and mad at them, I work with them and help them get better, because 9 times out of 10 there is an underlying problem that needs to be fixed. Nothing more, nothing less

Nonetheless, there still is one thing I cannot, under any circumstance, tolerate, and that is bullying.


Standing on someone else’s shoulders, undermining someone’s self-esteem, taking advantage of a weaker person that has no one to be defended by. Whether big or small, physical or verbal, these are all despicable and terrible acts that can have an enormous impact on the person at the receiving end - what sounds like an innocent joke to some, can be a soul-scarring insult to others.


According to data released by the UNESCO Institute of Statistics (UIS), which is the official data source for the Sustainable Development Goal on education:

“Almost one-third of young teens worldwide have recently experienced bullying. The new data show that bullying affects children everywhere, across all regions and countries of different income levels. They were collected from in-school surveys that track the physical and emotional health of youth. The Global School Health Survey (GSHS) focuses on children aged 13 to 17 years in low-income regions. Similarly, the Health Behavior in School-Age Children (HBSC) targets young people aged 11 to 15 years in 42 countries, primarily in Europe and North America. Bullying refers to violence between peers/students which is characterised as ‘intentional and aggressive behavior occurring repeatedly where there is a real or perceived power imbalance’.”


As you can see, the numbers, statistics and all the mumble jumble on the matter speak clearly and bullying has gotten worse over the years. But actually, it is a tale as old as time: bullying has been around for longer than some of us have been alive, the only difference now, is that people are finally starting to notice.


Some say that, instead of teaching children how to deal with bullies, we should be teaching them not to become bullies in the first place, and I fully agree. There’s just one problem: as with any other evil in this world, eradicating it will take massive amounts of effort and a lot of time, so teaching children how to face the problem in the meantime doesn’t seem like a bad idea to me.


Being in direct contact with the school world and witnessing the effects that bullying can have firsthand, I knew I needed to do something. This is why, pairing my love for children and their well-being with my experience, I wrote a short story that entertains kids while also teaching them how to deal with bullies and how to behave if they are a victim of bullying. Among the many anti-bullying strategies that most schools put in place, in the book I chose to focus on the one I believe to be the most effective to fight off the bullies, while also making the victim feel more protected: Speaking up.


According to statistics, more than half of bullied students do not tell anyone. The reason behind this silence can change from child to child, but it is a common denominator among many victims, who find themselves suffering in silence. Regardless of the reason, it is crucial to teach children (the younger they are, the better) that telling someone and saying what's going on is extremely important: whether it is a friend, a teacher or a relative, talking about it can really make a huge difference. This is exactly what my book, "Cricket Becomes Knight", tries to focus on: 


In this story, the helpless little Cricket plays the role of the bullied boy; Lion, an angry and hateful lion, is the bully; the rest of the animals in the story, on the other hand, take on the role of those friends, teachers, or relatives that a bullied victim should turn to and ask help to.

The story begins with Lion who violently confronts Cricket, with the sole purpose of imposing his force against him, scaring and threatening him. After a moment of uncertainty and fear, Cricket makes the right choice and decides to ask for help from others. In this case, the other animals of the animal kingdom.


This tale has a happy ending, but only thanks to the help Cricket received from the other animals, who not only helped him stand up to Lion (his bully), but also helped him teach Lion a lesson and made him understand that bullying is a very despicable thing to do. Apart from teaching children how to behave in the face of bullying, the story also touches upon one of the main causes of it, and how it can and should actually be a further reason to love and appreciate one another: our differences. Remember,


“No one has ever made himself great by showing how small someone else is.”


The book was completely illustrated by some of my own little students, and it is available for purchase on Amazon through the following links:


https://amzn.to/33QjVcr (ITALY)

https://www.amazon.com/dp/B08DSX3JSL (USA)  

The book is in ENGLISH LANGUAGE even if Amazon has written Italian version


Hope that you and your children enjoy it, and learn something from it!




Blog

The life of Teacher Claudia in English Drops...

visualizza:  completo / riassunto

THE MAGIC OF A CIRCLE

Pubblicato il 25 febbraio 2020 alle 17.00 Comments commenti (5211)

CIRCLES JUST CIRCLES

CIRCLES in architettura, CIRCLES nel nostro cereale, CIRCLES nella natura, CIRCLES sociali, CIRCLES nel cielo, CIRCLES EVERYWHERE. Cerchi meravigliosi che quando vengono formati da essere umani, che grazie alla sua struttura, ci permettono di stare davanti, di lato, ma MAI dietro di nessuno.

Il cerchio è nato prima che lo potessimo immaginare. Fermiamoci un po' e apriamo la nostra finestra mentale. Cosa vediamo? Probabilmente la maestosità del SOLE e la LUNA, il tempo che passa in un grande e rotondo OROLOGIO o soltanto un gruppo di persone che si prendono per mano e formano un cerchio.

IL CIRCLE TIME

Oggi però vorrei parlarvi dell’importanza ei benefici del “CIRCLE TIME”. Un momento magico in cui tutti partecipanti, anche quello che lo dirige, si mettono in un cerchio perfetto in piedi oppure seduti. Esso rappresenta un momento di parità, tutti riescono a vedersi in faccia e può esprimere emozioni liberamente. E una strategia eccellente per iniziare una mattina piena d’attività, come “WARM UP”, un ottimo modo per approfondire la conoscenza reciproca tra i partecipanti, crea integrazione e valorizza ogni singolo partecipanti.

BENEFICI

Il “CIRCLE TIME” viene utilizzato per diversi scopi e funzionalità. I benefici che questa metodologia ci sa sono:

1. Favorisce l’inclusione, integrazione e la conoscenza reciproca.

2. Migliora l’ascolto in un clima sereno

3. Serve per far emergere le diverse personalità dei partecipanti, in modo di conoscerli un po' di più.

4. Facilita la discussione. Ogni partecipante, a turni, può esprimersi e tutti gli altri ascoltano.

5. I partecipanti sviluppano un senso di appartenenza senza perdere la loro individualità.

6. Nessuno è ultimo oppure primo dentro del “CIRCLE TIME” sono tutti nello stesso piano. Per ciò attenua la paura del giudizio degli altri.

7. Rafforza la autostima e la autodisciplina.

 

COORDINATORE DELLA DINAMICA

 

Come tutta metodologia, attività o dinamica di gruppo, ci deve essere una persona che coordina. Dentro il salone di classe ad esempio è la maestra. Ma se ci troviamo in altri ambienti come una azienda, il ruolo di coordinatore può essere svolto per la persona che ha proposto la dinamica (capo, manager, ecc.).

Dunque questa persona deve coordinare l’attività, stimolare alla discussione e interazione; mantenendo un clima positivo e cordiale. Inoltre, il “coordinatore” deve avere un ruolo di osservatore. Deve stare attento adeguato sviluppo della dinamica dii gruppo, possibili disagi ed è responsabile di coinvolgere a tutti anche i più timidi. Ha , inoltre , il lavoro di monitorare la tempistica per non eccedere il tempo, che può variare dai venti ai sessanta minuti.

 

MAGIA

A parte di essere un’ottima metodologia il “CIRCLE TIME” è “MAGICO”. Attraverso di esso si crea un legame positivo tra i partecipanti dato che è un momento speciale in cui tutti condividono emozioni, canzoni, storie, anche un semplice sorriso. Si creano delle memorie sensoriali, memorie che dureranno nel tempo perchè una delle poche regole che ci sono nel “MAGIC CIRCLE” e divertirsi!

Finalmente ecco qui alcuni consigli per far del tuo “CIRCLE TIME” magico e di successo.

1. Scegli un modo particolare per invitare ai bambini a partecipare al Circle time. Una canzone, battere le mani oppure suonare un istrumento musicale.

2. Mantiene il Circle in movimento. Partecipanti possono muoversi in torno, saltare, ecc.

3. Usa il Circle per discutere il modo di come affrontare un problema oppure una situazione nuova, in cui ognuno dare la loro opinione.

 

KEEP THE CIRCLE MOVING!

 

 

 

 

TIPS PER SVILUPPARE LA CAPACITA MNEMONICHE IN INGLESE

Pubblicato il 15 dicembre 2019 alle 08.50 Comments commenti (13218)

 

Qualche volta sottovalutiamo l’abilità del nostro piccolo pubblico dentro l’aula. Ma dobbiamo ricordare che la memoria dei bambini di piccola età funziona come una spugna, assorbendo le informazioni in maniera illimitata. I bambini sono come un canvas totalmente bianco in cui pochissime mani hanno dipinto e noi maestri della scuola materna ed elementare, insieme ai genitori, abbiamo il privilegio di essere uno dei primi a modellare le prime memorie e ricordi! Quindi abbiamo una responsabilità enorme. Ma come farlo adeguatamente? Ecco qui alcuni TIPS che quasi sempre mi hanno portato ad avere risultati positivi.

 

DIAMO UNA MELODIA AL VOCABOLARIO!!!

Imparare a memoria deve essere un’esperienza piacevole in modo che le informazioni acquisite rimangano nella nostra memoria a lungo termine. Prendiamo una melodia conosciuta come TANTI AUGURI, WE WISH YOU A MERRY CHRISTMAS, ECC. e usiamola per creare un CHANT, una canzone. Con certi vocaboli potreste chiedere ai bambini di inventare una canzoncina usando la loro melodia preferita. Dopo di che potrebbe diventare il MOTTO della classe. Funziona sempre ed è un modo divertente di imparare.

MODULARE LA VOCE E MIMARE

Se ci sono personaggi, oggetti, stagioni dell’anno, luoghi magici …MIMALI! TIRA FUORI LA TUA VENA TEATRALE. Un coniglio salterebbe, l’inverno sarebbe freddo e con tanta neve. E un albero? Un albero avrebbe lunghi rami e un solido tronco….USA IL TUO CORPO per mimare un bel PINO oppure un ACERO. Usa anche i versi ad esempio un gatto farebbe MEOW, per drammatizzare l’autunno potresti fare il suono del vento. Non dimenticare di modulare la voce e cambiare il tono sempre.

INIZIA DALL' ULTIMA PAROLA

Se devi memorizzare una frase come “LUCY GOES TO THE PARK WITH HER FRIENDS”, I bambini possono provare ad impararla partendo dalla fine: “with friends” dopo “with her friends” successivamente “the park with her friends” e finalmente “Lucy goes to..” Anche questo è un metodo efficace, ricreativo e spiritoso per apprendere nuovi contenuti.

LE PRIME LETTERE DI OGNI PAROLA

Quando devi mandare in memoria parole della stessa categoria come giorni della settimana, stagioni dell’anno, mesi dell’anno, ecc in INGLESE. fatte una frase con le prime lettere di ogni parola ad esempio con i giorni della settimana Sunday, Monday, Tuesday, Wednesday, Thursday, Friday, Saturday . Andrebbe bene la frase “Susan, My Teacher, Wants Terrific Fancy Shoes”. Questo metodo funziona meglio con I bambini più grandi.

USA TUTTI I TUOI SENSI

Porta oggetti reali alla classe in modo che gli studenti siano capaci di abbracciare il concetto, immagazzinarlo e dopo riciclarlo quando sia necessario. Fagli assaporare i concetti anche usando le loro mani per imparare le caratteristiche dell’oggetto. E rotondo oppure quadrato? Bianco o nero? Grande o piccolo. Per rispondere a queste domande i aiuteranno i nostri sensi. CIBO IN INGLESE??come lo si impara in modo semplice? Proviamo a mettere in moto le nostre papille gustative e decidiamo se una STRAWBERRY è sweet or salty. In fine usando i nostri 5 sensi diventerà leggero collegare la parola al concetto.

 

Finalmente un fattore che fa dell’’apprendimento una cosa memorabile è DIVERTIRSI! Ma ricorda, il DIVERTIMENTO ha significati diversi per ogni persona quindi quando CANTARE sia il miglior metodo per un alunno, per un altro può essere una poesia, e poi per un altro ancora mimare il concetto. Di conseguenza VARIATY IS THE KEY MY DEAR TEACHERS! Il nostro cervello collega il processo d’apprendimento alle emozioni, in poche parole impariamo con più velocità quando il maestro stuzzica la nostra curiosità in modo piacevole al contempo proficuo.

                                                  “TEACHERS.....FUEL YOUR STUDENTS PASSION FOR LEARNING”

by Teacher Claudia

 

 

.

BREAKFAST WITH HANS ASPERGER

Pubblicato il 01 dicembre 2019 alle 14.15 Comments commenti (16632)


 

Ogni giorno è una nuova avventura nella scuola primaria, poco a poco si va svelando il meraviglioso mistero dei nostri nuovi piccoli alunni che potrebbero avere nelle loro vene le, abilità per diventare i nuovi Leonardo Da Vinci, Marie Curie, Steve Jobs, Neil Amstrong o Malala Yousafzai, Amelia Earhart. E per questo motivo che noi come maestri, principalmente delle classe prime, è fondamentale e le nostre abilità e competenze devono essere orientate i primi giorni di scuola a guidare in forma adeguata i nostri nuovi studenti.

Al giorno d’oggi non bastano anni di esperienza come docenti di scuola primaria. La nostra sfida va oltre dato che gli alunni non devono soltanto imparare competenze matematiche, di science, ecc. Devono anche sapere ascoltare, seguire una lezione seduti e in silenzio per più di quindici minuti, seguire le regole e trovare la giusta concentrazione per imparare le prime lettere dell’alfabeto, i numeri, le favole di tutta la vita, imparare nuove cose per affrontare le esigenze del mondo globale che ci circonda. Per questo motivo la concentrazione dei bambini diventa un MUST per la gestione di tante informazioni dentro il loro cervello. Questo mondo globale è carico di possibilità, creatività e nuovi amici, anche imaginari, ma molto più impegnativo che la scuola primaria di una volta. ARE  CHILDREN READY?

ARE WE TEACHERS READY per la primaria di oggi?

Noi docenti al giorno d’oggi trascorriamo molto tempo a pensare come approcciare i bisogni speciali dentro l’aula, preparare una di science, matematica o italiano diventa interessante e molto gratificante ma impegnativo dato che dobbiamo preparare due o tre versioni dello stesso argomento. Se ti chiedi il perche? Abbiamo scoperto che abbiamo bambini con bisogni speciali e hanno la necessità di imparare in modo particolare. Are we ready ?? per fare colazione con Hans Asperguer, pranzare con Oswald Berkham e cenare Sir George Still?? Qualche volta passo le intere domeniche con loro. PERCHE? Le trovo interessanti e le sue conversazioni mi servono a trovare UNA RISPOSTA non LA RISPOSTA, dato che l’approccio agli studenti di quella piccola età diventa un arcobaleno di possibilità di scelte e bisogna usare tutti i suoi colori.

Ogni bambino vede il colore rosso da una diversa prospettiva. ARE WE READY per entrare nel loro mondo e guardare con i loro occhi. Se non sei ancora pronto… inizia a prepararti IERI perché la sfida è bella ma impegnativa. E un incredibile viaggio in cui noi dobbiamo essere il capitano della barca e dobbiamo saper come pilotarla. Barca che nella tempesta e nella calma deve tirare tutti dentro per raggiungere lo stesso obiettivo anche se in diversi livelli.

Finalmente miei carissimi colleghi, mantenete una tazza di tè caldo vicino sulla cattedra per trovare la calma in questa montagna russa affascinante che è la scuola primaria! Organizza il caos in modo che gli alunni si divertano ma riescano a trovare il suo posto nel gruppo a prescindere della specialità!

 


 

Il Potere del Gioco in Aula

Pubblicato il 28 dicembre 2018 alle 10.45 Comments commenti (5698)

Giocare è sano per il corretto sviluppo dei bambini, dai i primi anni dell’infanzia fino alla fine dell’adolescenza. C’è un legame molto stretto tra il gioco creativo e l’acquisizione di una nuova lingua, lo sviluppo sociale, fisico e cognitivo. Quindi è importante portare la gioia del gioco nel processo d’apprendimento per motivare i nostri studenti.


I lunghi periodi seduti durante una lezione frontale in cui la maestra parla, spiega e scrive sulla lavagna avrà come risultato uno studente in letargo, disinteressato, annoiato e che probabilmente dopo la prima mezz’ora si sarà già perso, la sua mente sarà volata in un paese lontano di avventure molto diverse alla matematica, le scienze, arte, ecc. Le lezioni in qualsiasi centro educativo devono essere dinamiche, possiamo affrontare lo stesso argomento per ore ma con attività diverse come ad esempio dopo 20 minuti di aver fatto una lezione riguardante le parti della pianta passare ad un gioco riciclando il vocabolario dopo di che una canzone e poi tornare a spiegare la seconda parte della lezione frontale. Tutte queste attività non sono una perdita di tempo come qualcuno potrebbe pensare, neanche un motivo per creare caos in classe. –“ IL CAOS DEVE ESSERE BEN ORGANIZZATO”- diceva Joan Littlewood, e qualcuno deve essere in carico, in questo caso il leader, coach, insegnante deve gestire una classe in tal modo che ci sia il momento di calma in cui la mente degli studenti si focalizzi soltanto nelle parole del suo interlocutore e il momento in cui tutte queste parole prendano forma e si possano riciclare, volare, e trasformare in nuovi concetti che rimangono nella nostra memoria a lungo termine. La memoria è legata all’immaginazione e le esperienze stimolanti definitivamente saranno memorabili e ricordate come un’avventura mentale e fisica positiva.

L’allenamento frequente è la madre di ogni abilità: la ripetizione di un argomento può essere noiosa in alcuni contesti ma se è presentata in forma di giochi divertenti garantirà agli studenti il raggiungimento degli obiettivi con grande successo. Questo non vuol dire che si giocherà sempre e basta, bisognerebbe creare il giusto bilancio tra giochi e lezione tradizionale.


“Giocare crea un legame tra studenti e insegnante” in una classe in cui gli argomenti vengono approcciati in modo interessante attraverso attività dinamiche sicuramente creerà un’atmosfera più rilassata in cui gli studenti possano avere il coraggio di provarci senza avere paura di sbagliare.


Il gioco può aiutare a scoprire il talento nascosto di ogni bambino, in questi momenti loro si lasciano andare e perdono la paura di esprimersi liberamente. Dopo di queste meravigliose scoperte però arriva una sfida molto grande e delicata per gli insegnanti, perché non si può far vincere sempre al bambino più talentoso nello sport o nei giochi in cui devono essere veloci, oppure quello molto abile per la matematica nei giochi di numeri. Quindi bisognerebbe bilanciare questi giochi e il leader del gruppo, insegnante, tutor dovrà sempre utilizzare sempre la sua bacchetta magica per fare in modo che tutti vincano almeno una volta. Il bilancio tra la competizione e lo spirito di squadra è vitale per avere un gruppo sempre motivato e felice.

Il movimento dentro al gioco è importante. Aristotele diceva “ i bambini si devono concentrare nella musica, l’aritmetica e l’educazione fisica o gioco”. L’aritmetica sviluppa la mente, la musica le emozioni e l’educazione fisica il corpo. I bambini si beneficiano di essere attivi. Se facciamo attenzione, i bambini non sono mai fermi, quando camminano, saltano, salterellano , ecc. Per questo motivo bisogna includere qualche attività o gioco che comprenda movimento. Quest’attività terrà i bambini svegli e FOCUSED. Sicuramente l’attività fisica aiuterà a raggiungere migliori risultati didattici.

Come ultimo punto vorrei chiarire che i giochi durante le lezioni sono uno strumento di grande potere nel processo d’apprendimento ma non per questo dobbiamo trasformare una classe in un circo in cui il CLOWN è l’insegnante. Non possiamo perdere l’autorità e il controllo degli studenti. Non si devono perdere gli obiettivi principali della lezione

 

CANTARE PER IMPARARE IN MODO DIVERTENTE

Pubblicato il 09 dicembre 2018 alle 14.20 Comments commenti (39635)



Cantare prima di iniziare una lezione aiuta definitivamente i bambini ad entrare in un mondo magico, perciò prima di scrivere sulla lavagna, aprire un libro oppure cominciare un racconto JUST SING. Quando cantiamo il nostro corpo libera endorfine, queste attivano diverse aree del nostro cervello che ci aiutano ad imparare più velocemente e rinforzare le conoscenze apprese.

La musica e i suoi testi sono una fonte inesauribile che contribuisce allo sviluppo della capacità di linguaggio in modo più fluida e adeguata. E per questo motivo che quando si vuole imparare una nuova lingua è così di primaria importanza intonare canzoncine; sono eccellenti per aumentare le nostre capacità di memorizzazione e concentrazione, dato che per cantare dobbiamo per forza utilizzare entrambe.

“Piccoli artisti diventano i nostri bambini al cantare” riescono ad immaginare un mondo pieno di diversi colori ed avventure attraverso la musica. “la musica è l’insegnante migliore” Wassily Kandinsky. In questo mondo i bambini diventano forti, sicuri e invincibili protagonisti, così da poter potenziare la loro autostima. La musica ha un potere che va direttamente all’anima e ogni parola cantata diventa un tatuaggio sulla pelle di chi la eseguita.

“Cantare è matematico” Quando cantiamo dobbiamo seguire un filo logico, ricordare quante volte quante volte si ripete un ritornello oppure se l’ultima strofa finisce in rima o meno.

“Cantare è una potente vitamina per il nostro cervello” Ci sveglia del letargo, ci rende felici, liberi e tranquilli. Per ciò e anche una medicina contro l’ansia e lo stress nei momenti più difficili. Non è a caso, per calmare un bambino e indurlo al sonno, tutte le mamme del mondo trovano una dolce melodia come la ninna nanna.

Cantare insieme ai nostri amici, genitori, compagni di scuola, maestri oppure qualsiasi persona che vorrà canticchiare con noi ci porterà a vivere una esperienza piacevole ma non solo. Cantare insieme ad altri ci rende parte di un gruppo, ci dà un senso di appartenenza. Quando diverse persone cantano all’unisono non esiste colore di pelle, età, nazionalità, diversità ne disabilità, esiste soltanto una canzone e tanti voci. Attraverso di questo esercizio favoloso di integrazione riusciamo ad interagire con tutti senza pregiudizi attraverso la musica e le canzoni possiamo creare un legame affettivo che è fonte di benessere.



DON'T FORGET TO SMILE WHEN YOU SING!!!

SFIDA TE STESSO

Pubblicato il 15 novembre 2018 alle 16.50 Comments commenti (20062)


SFIDA TE STESSO


"We must dare, and dare again, and go on daring"
Georges Jacques Danton



Mi capita di guardare i miei studenti, i miei figli, i figli di amiche che mi stanno attorno e mi rendo conto di quanto noi, adulti, possiamo imparare dai bambini.


Stiamo ad osservare, apriamo la mente allo sviluppo dei nostri piccoli, hanno delle idee audaci, creatività e soprattutto ottimismo. I grandi sogni dei bambini meritano grandi aspettative, e noi siamo responsabili di dare la nostra disponibilità per imparare dai bambini tanto quanto possano insegnarci.


La parola che mi viene in mente è evoluzione. Ci siamo evoluti per miliardi di anni, perché l'adattamento è nei nostri geni, per questo Io insisto nel multilinguismo come modo di vivere. Come esseri umani moderni siamo orientati verso l'apprendimento e la crescita per tutta la vita. Le nostre cellule cerebrali formano continuamente nuove connessioni e ristrutturano le nostre percezioni e la nostra fisiologia nel tempo. Questo processo è un enorme potenziale di cambiamento, se vogliamo farlo accadere, specialmente con i bambini.

Ho pensato, per farla breve, quelle cose che possiamo fare per incoraggiare i nostri figli, studenti e anche noi stessi verso l’apprendimento di una seconda lingua:

• Mantenere l’entusiasmo: Da insegnate questo è la chiave che apre la porta del successo. Creare ambienti positivi, coinvolgenti (anche dentro della classe), rinforzanti; personalmente voglio e cerco che i miei studenti possano vedere la passione e amore che provo per l’insegnamento e la lingua in se.

• Keep it simple: Questo vuol dire fare le cose semplici. Molto di ciò che facciamo quotidianamente accade senza pensare, guidando una macchina, lavandosi i denti, facendo la spesa. Questi semplici comportamenti sono stati plasmati ripetutamente dall'esperienza e diventano abituali. Perchè non provare a fare della nuova lingua una bella abitudine, un rituale in famiglia, un gioco condiviso al centro delle classi facendo diventare delle azioni quotidiane in viaggio in inglese, per esempio. Così fancedo questo entrerà a far parte della nostra struttura limbica.

• Uscire dalla zona di comfort: Uscire dalla comfort zone significa affrontare un po' di disagio e di insicurezza per migliorare, apprendere nuove capacità e per quanto riguarda i bambini diventa ancora più facile poichè è una sfida, un acquisire nuovi talenti.

Imparare un’altra lingua è uguale ad oltrepassare orizzonti di cui nemmeno noi sappiamo.

Diventa imperativo e imprescindibile, sia per noi che per i bambini, superarsi ogni giorno, congratulari i traguardi, cercare il progresso e non la perfezione. Una volta che colleghiamo il cuore ad una nuova lingua, la sfida diventa gratificante.

Sfida te stesso.

BENEFICI DI ESSERE BILINGUE

Pubblicato il 07 novembre 2018 alle 13.45 Comments commenti (10038)

BENEFICI DI ESSERE BILINGUE.


“Speak a new language so that the world will be a new world” Rumi

 

 

Grazie al percorso della mia carriera come insegnante d’inglese posso testificare che parlare almeno una seconda lingua porta tanti benefici e sicuramente questa è una affermazione già sentita, ma vivere questa realtà diventa qualcosa di meraviglioso.

 

Ci sono tanti studi che spiegano perchè essere bilingui sia di aiuto al cervello, per rompere il mito che diceva che insegnare più di una lingua alla volta era fonte di confusione per bambini.

I bambini sono capaci di apprendere e capire il contesto e visto che viviamo in una società con barriere sempre più sottili di lingua e cultura, diventa una missione crescere i nostri figli con una apertura verso il mondo sempre più stimolante.

 

Vi racconto dalla mia esperienza da mamma e prendo anche spunto dalle mie amiche che credono nel bilinguismo (o plurilinguismo) come stile di vita:

 

Quando qualcuno conosce più lingue, entrambe le lingue sono attive simultaneamente nel cervello e devono separarle mentalmente quando pensano o parlano, quindi, in un gruppo di persone che parlano diverse lingue, un bambino riesce a cambiare da una lingua all’altra senza difficoltà! Questo aiuta anche alla risoluzioni dei problemi, a ricordare le cose più velocemente e come se questo fosse poco, una volta che conoscono due lingue, hanno la capacità di acquisire una terza lingua o più.

 

Se un bambino parla più della lingua materna, ha la capacità di connettersi con gli altri attraverso più culture in un modo che i monolingui non hanno. Possono osservare direttamente una cultura diversa, piuttosto che limitarsi a leggerla o sentirsi dire a riguardo. Ciò potrebbe portare a una visione più inclusiva nei confronti degli altri di qualsiasi cultura, di qualsiasi hobby, passione, interesse e va oltre a quelli a cui sono associati.

 

 

Oltre a questi benefici, quando i bambini entrano nell'età adulta conoscendo più lingue, possono avere maggiori possibilità di impiego in determinati settori. L'istruzione, il governo e l'assistenza sanitaria sono solo alcune delle industrie più bisognose di dipendenti in grado di comunicare con gli altri in altre lingue e non è mai tardi per gli adulti. Darsi l’opportunità di imparare un’altra lingua è come aprire una porta verso l’infinito.

 

Ovviamente, crescere bambini in più di una lingua ha qualche reto ma offre molti più benefici.

Inizialmente possono mischiare le lingue, ma stanno registrando i vocaboli per cui è normale; potrebbe succedere anche che favoriscano una lingua sopra l’altra, per comodità del contesto o per il contatto con la stessa; basta stare attenti ed avere un esposizione bilanciata fra le lingue da imparare ed in tempo zero ci si arriva alla stessa padronanza.

 

Capita anche che se si tratta di bambini che crescono in ambienti bi o plurilingue abbiano un leggero ritardo nel parlare, ma nel momento in cui iniziano a parlare hanno il vocabolario moltiplicato per le lingue che stanno imparando. Fantastico, no? Questo perchè i bambini assorbono parole, contesti ed esperienze mentre quando si è adulti si pensa più alla grammatica e alziamo la barriera della perfezione.

 

Essere bilingue è l’opportunità per entrare nel cuore e mente di altre culture e persone, di fare conoscenze, di costruire amicize, di condividere la passione per la musica, letteratura, cinema, viaggi, cucina, arte e quant’altro.

 

Imparare un’altra lingua è il regalo più prezioso che possiamo farci, sia a noi stessi che ai nostri figli.

 

 

Shaping Positive Behavior in Students

Pubblicato il 04 novembre 2018 alle 10.50 Comments commenti (2234)

 

SHAPING POSITIVE BEHAVIOR IN STUDENTS

 

How do we teachers could shape our student’s future? Well, I’ll start by saying that we are role models for them, sometimes even heroes, so our responsibility on shaping their minds in order to prepare them for the future is enormous, greatly important and determinant for them to live a happy life. Our stress or family problems shouldn’t be brought to our classrooms, these two aspects must not interfere in our everyday lessons.

It is clear that one of the most important things we need to do is giving our students the gift of a calm, relaxed and happy environment during a lesson. Some researchers highlight the link between affection during childhood with health and happiness in the future. Science supports the idea that warmth and affection from parents and teachers towards children result in positive outcomes as higher self-esteem, better communication and fewer phycological and behavioral problems. So, teachers, stay emotionally close your little pupils! Because “affection is responsible for nine tenths of whatever solid and durable happiness there is in our lives” - C.S. Lewis. Students surrounded by attention from parents and teachers are more likely to be successful and less anxious, they become caring and less depressive grownups.

 

On the other hand, we mustn’t cross the line between teacher and student. In other words, don’t ever forget that you are in charge and that you are the authority. Little pupils need to receive affection from teachers, but they need to be taught limits, to follow guidelines and discipline as well in order to shape strong and solid values. Rules inside a classroom have never killed anyone and a NO once in a while will just strengthen our personality. This discipline must always be accompanied by respect and affection. When we, teachers, talk to our students about something they did wrong, be firm but smile, this combination usually works and the next time they’ll think about it twice before breaking a rule.

“Confidence comes from discipline and training” – Robert Kiyosaki.

And last but not least, DON’T forget to transmit GOOD AND POSITIVE vibes only, make your students feel life is worth living and show them how to stick to it tightly.

 


 

 

Un'altra lingua sin da piccoli

Pubblicato il 04 ottobre 2018 alle 09.45 Comments commenti (10564)

Mio figlio è troppo piccolo per imparare una seconda lingua”; “ la mia bimba potrebbe confondersi e non imparare nessuna delle due lingue bene”; “Non posso caricare mio figlio con una materia in più”; “la bambina non sa neanche leggere come faccio a farle imparare un’altra lingua”

La risposta a queste domande è molto facile: Dobbiamo utilizzare i canali di comunicazione corretti e possiamo iniziare sin dalla nascita dei nostri bambini, anzi prima si inizia meglio è. I bambini da zero a tre anni possono imparare più di una lingua a livello madrelingua se fatto nel modo corretto. Ecco qui alcuni esempi concreti:

G è una bambina che ha appena sei anni e parla già tre lingue, come? Dalla nascita è stata esposta all’inglese, allo spagnolo e all’italiano. Suo padre le ha parlato sempre in italiano, sua madre in spagnolo e hanno scelto come unica lingua e canale di comunicazione l’inglese, per i programmi per bambini come cartoni animati, musicals, musica, ecc. Libri? A scuola in italiano, a casa lei prima di dormire può scegliere tra farsi raccontare fiabe, racconti o addirittura libri di storia per piccoli lettori sia in spagnolo che in inglese. G è capace di divertirsi sia con un libricino di Daniel Tiger che con la storia raccontata per bambini di Artemisia Gentileschi.

Abbiamo anche B e J di 8 anni entrambi, amici del cuore. I loro genitori sono italiani e i bambini appassionati alle lingue straniere. Hanno iniziato un percorso con Teacher Claudia e Hocus and Lotus all’età di 6 anni. Il programma educativo linguistico ideato dalla professoressa Traute Taeschner, che dopo 35 anni di ricerca scopre le ragioni dell’insuccesso scolastico nell’insegnamento delle lingue straniere ai bambini e crea il modello d’insegnamento del FORMAT NARRATIVO, la base teorica di HOCUS AND LOTUS. Ancora ricordo i primi commenti delle mamme di questi piccoli studenti dopo la prima avventura/lezione con magic teacher Claudia “ B è stata contentissima del primo incontro, davvero entusiasta. Già in macchina, durante il tragitto di ritorno canticchiava la canzone. Ha presentato Hocus ai nonni spiegandogli che parla solo inglese!” “Anche J è molto entusiasta e non vede l’ora di tornare il prossimo venerdì per la nuova avventura”! e sua mamma dice sempre Claudia l’inglese per lui SEI TE! Questi due piccoli grandi studenti hanno seguito la loro teacher anche ai Summer Camp creati e organizzati da lei. L’amore per la lingua inglese non ha diminuito con gli anni, anzi tra poco stiamo per iniziare una nuova avventura in unCASTELLO per rendere questo percorso ancora più meraviglioso. Il risultato di tutto questo B, J e Teacher Claudia possono tranquillamente conversare in ENGLISH con tutta scioltezza!

Potrei continuare a raccontarvi mille storie dei mie piccoli eroi inglesi, sono stati sempre incredibili! Ma dobbiamo tornare al punto! Qua vi lascio diversi canali che possiamo utilizzare per velocizzare e potenziare l’apprendimento della lingua che vorremmo che il nostro figlio imparasse da piccolissimo.

LEGGERE AD ALTA VOCE NELLA NUOVA LINGUA

Leggere ad alta voce è fondamentale per un bambino che sta imparando sia la lingua madre che una seconda lingua. È attraverso l’ascolto che le persone imparano nuove cose, parole, racconti, ecc. Inoltre se il nostro interlocutore è capace di svegliare la curiosità dentro di noi allora i risultati si potenziano ancora di più. Il nostro cervello si attiva leggendo, ma inizia a volare se chi abbiamo davanti diventa un “RACCONTATORE”. Attraverso i racconti nella nuova lingua i nostri piccoli ascoltatori entrano nella scena automaticamente, vivono con i personaggi le loro avventure, registrano la storia e creano un film mentale dopo di che tutte queste parole e frasi nuove hanno un senso chiaro. Non basta solo leggere a voce alta, “leggere” in questo caso vuol dire mostrare le immagini del libro. Dobbiamo cambiare voce a seconda del personaggio, ad esempio se siamo il lupo mannaro in Cappuccetto Rosso dobbiamo aprire la bocca grande grande come per mangiare la nonna. Dobbiamo meravigliarci anche noi attraverso il racconto per creare un’atmosfera incantevole. Ultima cosa ma non meno importante: Il racconto deve avere frasi semplici, ma complete, parlare ai bambini con parole singole può rallentare i processi di apprendimento, non dimenticate che i bambini sono sempre dei piccoli geni e riescono ad acquisire tanta informazione in un attimo.


PICCOLI INTERNATIONAL MOMENTS

Quest’attività piace tantissimo ai bambini. È una delle mie attività al English Drops Summer Camp in cui tutti devono parlare in Inglese, anche fra i bambini stessi, così si divertono e si mettono in gioco. Noi a casa possiamo farlo in questo modo: dobbiamo scegliere un momento in cui ci sono tutti membri della famiglia, la cena, la domenica oppure una gita in montagna, cerchiamo tutti, papà, mamma e bambini, di parlare nella lingua che stiamo imparando. Qualche mamma o papà mi dice “ma noi non parliamo l’inglese!”. Se è questo il caso anche i genitori potrebbero imparare qualche cosina nella nuova lingua. Ad esempio una gita allo ZOO, si potrebbe fare la sfida di chi può dire il nome degli animali in Inglese, spagnolo, cinese, ecc. a seconda della lingua che si vuole imparare. Oppure LUNCHTIME!!! Usando vocabolario del cibo che conosciamo.

Attività divertenti come queste rendono l’apprendimento meno noioso e più accattivante. I nostri piccoli esperimentano la lingua come un gioco e diventa anche una meravigliosa strategia per rafforzare il legame genitori-figli. Condividere del tempo con i nostri figli è prezioso.


CINEMA AND FAMILY TIME


Non c’è cosa più bella che guardare un film in TV oppure al cinema tutti insieme in famiglia. Questo canale di comunicazione è doppiamente efficace, attraverso quest’attività stiamo esposti a due dei cinque sensi, la vista e l’udito. I suoni e le immagini diventano parole, le parole diventano concetti e i questi si trasformano in un mondo nuovo di avventure.

Sottotitoli si però IN LINGUA ORIGINALE. Quando si guarda un film oppure un cartone in lingua originale con sottotitoli bisogna attivarli ma non in italiano, altrimenti si rallenta il processo d’apprendimento perchè il nostro cervello fa un passaggio in più, quello di pensare in italiano e poi tradurre alla lingua inglese. All’inizio potrà sembrare un processo lungo e dispendioso, ma con il passare dei giorni sembrerà tutto più agevolato come per arte di magia.


I miei suggerimenti FILM DA GUARDARE in famiglia:

HOLES

https://www.youtube.com/watch?v=NEvLRtDKT0c

THE SELFISH GIANT

https://www.youtube.com/watch?v=CZmvaj05xek

My First DROP

Pubblicato il 30 settembre 2018 alle 13.15 Comments commenti (1100)

"HELLO TEACHER CLAUDIA”

Queste sono le parole dei bambini sorridenti che sento in continuazione che sono sempre musica per le mie orecchie. Esse mi confermano l’entusiasmo dei bambini ad iniziare nuove avventure in lingua inglese ed è un forte segno che il legame tra maestra e studenti è solido. Questo rapporto è importantissimo per agevolare l’apprendimento e il percorso nella nuova lingua dei bambini; il peso del sostegno affettivo tende a colorare la lezione facendo di ogni bambino parte di un meraviglioso arcobaleno

.

“COLORO CHE SANNO, FANNO...COLORO CHE CAPISCONO, INSEGNANO” – Aristotele

L’insegnante deve essere in grado di capire le esigenze di ogni bambino, per utilizzare un approccio diverso a seconda di quello che gli si presenta. Se noi come maestri non siamo capaci di capire i bisogni dei nostri piccoli studenti non saremo capaci di trasmettergli le nostre conoscenze. Ci sono bambini che non riescono a distinguere il rosso dal verde, fanno fatica a concentrarsi in una sola attività, altri non riescono a memorizzare lettere oppure parole complete, ecc. E nostro dovere guidarli e dare a loro gli istrumenti per acquisire la nuova lingua adeguatamente.


“CURIOSER..CURIOSER”- Alice nel paese delle meraviglie

Le lezioni interattive e dinamiche sono chiave per sviluppare la curiosità. Le domande possono essere un ponte verso le grandi scoperte e invenzioni. Aiutiamo i nostri piccoli ad analizzare ogni cosa che li circonda in modo di formare concetti chiari da utilizzare nel loro percorso di vita. Perché il nostro lavoro non è soltanto riempire i bambini con conoscenze nuove, ma accendere una fiamma e interesse per l’inglese, ogni lezione con teacher Claudia è piena di sorprese. Un buon maestro è e sarà una fonte di ispirazione sempre; Gli insegnamenti appresi oggi verranno trasmesse ad ogni persona che incontreranno i nostri piccoli alunni.


NOI INSEGNANTI I LORO MODELLO DA SEGUIRE.

Tutti noi abbiamo una maestra/o che ricordiamo. Qualcuno che ci ha dato l’opportunità di imparare una materia anche divertendoci. Ma non ci scorderemo mai il suo nome e le suoi insegnamenti. Per questo motivo le esperienze positive e serene in classe sono fondamentali. Cosciente della responsabilità che questo comporta teacher Claudia cerca sempre di essere un modello d’ispirazione a seguire. Molte volte un sorriso, una buona parola e un atteggiamento affettuoso nei confronti de un bambino, che è in ansia, possono far scattare un tornado di positività che lo trascinerà verso un ambiente piacevole che lo porterà a frequentare il percorso d’apprendimento in modo sereno e naturale, lasciando impresso nella sua memoria le lezioni con Teacher Claudia.

ULTIMO MA NON PER QUESTO MENO IMPORTANTE

Vi lascio delle idee che potreste leggere i con vostri piccoli. Perché come dice Mr Seuss

“Più leggi Più imparerai…e più impari più viaggi farai”

Beowulf the brave by Oakley Graham

Room on the Broom by Julia Donaldson

Trunk Trouble by Felicity Carter



BY TEACHER CLAUDIA



Rss_feed